Gli esperti che lavorano da straBerry sanno che in preparazione dell’anno nuovo bisogna potare le piante, eliminando i brindilli.
Si ma cosa sono?
Sono dei rami annuali che si innestano sulla pianta pluriennale e che forniranno il loro frutto per una stagione. Questo significa che a stagione finita, vanno eliminati per lasciare spazio alla comparsa di nuovi polloni da cui origineranno altri brindilli.
Ma già che ci siamo procediamo ad una potatura completa della pianta di mirtillo, in modo che riposi bene nella stagione fredda e sia pronto a riprodursi nella stagione calda, oppure se abbiamo la serra, continui a produrre periodicamente.
Se la pianta è giovane, prima di tutto individuiamo quella che sarà la struttura portante e togliamo le ramificazioni basali che si staccano da questo fusto principale. Poi osserviamo i rametti più piccoli ed eliminiamo quelli che ci sembrano più deboli, per dare spazio di sviluppo a quelli più forti. Infine nella parte alta toglieremo appunto i brindilli, in modo da permettere alla struttura portante di crescere e rinforzarsi.
Se la pianta è matura tutto è più semplice, sia l’eliminazione dei rami meno forti sia l’individuazione dei brindilli che hanno un colore più scuro rispetto alla pianta principale che tende al grigio.
E per ora il gioco è fatto e la nostra pianta di mirtilli è pronta a svilupparsi come si deve sana e rigogliosa.
Dell’ azione di potatura in periodo di formazione ne parleremo in un prossimo articolo.

Seguiteci qui sul blog oppure sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Instagram